L’unione bancaria

L’unione bancaria rappresenta un passo importante verso un’autentica Unione economica e monetaria. Consente un’applicazione coerente della normativa bancaria dell’UE nei paesi partecipanti. Le procedure e gli strumenti decisionali di nuova introduzione aiutano a creare un mercato bancario più trasparente, unificato e più sicuro.

Perché l’unione bancaria?

L’esigenza di un’unione bancaria è emersa dalla crisi finanziaria del 2008 e dalla successiva crisi del debito sovrano. È risultato chiaro che, specie in un’unione monetaria come l’area dell’euro, i problemi causati dagli stretti legami tra le finanze del settore pubblico e il settore bancario possono facilmente trascendere i confini nazionali e provocare turbolenze finanziarie in altri Stati membri dell’UE.

L’unione bancaria intende rendere il settore bancario europeo:
più trasparente applicando in modo coerente regole e principi amministrativi comuni in materia di vigilanza, risanamento e risoluzione delle banche
unificato assicurando pari trattamento alle attività bancarie nazionali e transfrontaliere e svincolando la solidità finanziaria delle banche dai paesi in cui sorgono
più sicuro intervenendo in una fase precoce, se le banche versano in difficoltà, per aiutarle a non fallire e procedendo alla loro efficiente risoluzione, ove necessario
Comunicazione della Commissione – Una tabella di marcia verso l’Unione bancaria

Gli elementi dell’unione bancaria

L’unione bancaria consta di due pilastri:

  • il Meccanismo di vigilanza unico (MVU)
  • il Meccanismo di risoluzione unico (Single Resolution Mechanism, SRM)

I due pilastri si fondano su un corpus unico di norme, che si applica a tutti gli Stati membri dell’UE.

Il Meccanismo di vigilanza unico

Il Meccanismo di vigilanza unico è un nuovo sistema europeo di vigilanza bancaria, costituito dalla BCE e dalle autorità di vigilanza nazionali dei paesi partecipanti.

Il Meccanismo di vigilanza unico

Il Meccanismo di risoluzione unico

Il Meccanismo di risoluzione unico persegue l’obiettivo principale di un’efficiente risoluzione delle banche in dissesto che contenga al minimo i costi per i contribuenti e l’economia reale. Il Comitato di risoluzione unico assicurerà procedure decisionali rapide, tali da consentire la risoluzione di una banca nell’arco di un fine settimana. In quanto autorità di vigilanza, la BCE svolgerà un ruolo importante nel decidere se una banca sia in dissesto o a rischio di dissesto.

Per coprire le spese degli interventi di risoluzione si potrà ricorrere al Fondo di risoluzione unico, finanziato dai contributi delle banche.

Il Meccanismo di risoluzione unico

Il corpus unico di norme

Questo insieme di regole stabilisce i principi giuridici e amministrativi per assicurare la regolamentazione, la vigilanza e il governo del settore finanziario di tutti gli Stati membri dell’UE con maggiore efficienza. Comprende le disposizioni concernenti i requisiti patrimoniali, i processi relativi al risanamento e alla risoluzione e l’insieme armonizzato dei sistemi nazionali di garanzia dei depositi.

Sistema comune di garanzia dei depositi

La legislazione europea compresa nel corpus unico di norme si applica a tutti gli Stati membri dell’UE. Grazie all’unione bancaria tali disposizioni sono applicate in modo coerente nell’area dell’euro e negli altri paesi partecipanti.