Segnalazioni whistleblowing

Cosa si intende per whistleblowing?

Il termine “whistleblowing”, letteralmente “soffiare il fischietto” in inglese, indica il processo che nell’ambito della Banca centrale europea rende possibile segnalare violazioni del diritto applicabile dell’Unione europea a carico di soggetti vigilati, autorità nazionali di vigilanza oppure della stessa BCE.

Se sospetti che siano state commesse violazioni di questo genere puoi inviare una segnalazione alla BCE tramite un canale esterno sicuro, la piattaforma whistleblowing.

La piattaforma dovrà essere utilizzata per trasmettere alla BCE soltanto determinate tipologie di informazioni secondo apposite modalità, come illustrato di seguito.

Quando contattare la BCE tramite la piattaforma whistleblowing?

Puoi contattare la BCE tramite la piattaforma in caso di:

  • violazione del diritto applicabile dell’UE da parte di una banca vigilata (“soggetto vigilato” nel linguaggio giuridico)

oppure

  • violazione del diritto applicabile dell’UE da parte di un’autorità nazionale di vigilanza (“autorità competente” nel linguaggio giuridico)

oppure

  • violazione di obblighi nei confronti della BCE, derivanti da decisioni o regolamenti della BCE, da parte di una banca direttamente vigilata dalla rispettiva autorità nazionale di vigilanza

Puoi contattare l’autorità nazionale di vigilanza se:

oppure

  • la violazione riguarda la tutela dei consumatori o l’applicazione delle norme antiriciclaggio da parte delle banche vigilate; la BCE non è competente a esaminare queste tipologie di violazione e non fornisce alcuna consulenza legale in materia

Definizioni giuridiche: soggetto vigilato e autorità competente

Il regolamento quadro sull’MVU definisce i soggetti vigilati come:

  • enti creditizi stabiliti negli Stati membri partecipanti
  • società di partecipazione finanziaria stabilite negli Stati membri partecipanti
  • società di partecipazione finanziaria mista stabilite negli Stati membri partecipanti
  • succursali insediate in Stati membri partecipanti da enti creditizi stabiliti in Stati membri non partecipanti

Sono autorità competenti le autorità nazionali di vigilanza (note anche come autorità nazionali competenti) e la BCE.

Per sapere se un soggetto è vigilato dall’autorità nazionale o dalla BCE basta consultare l’elenco dei soggetti vigilati regolarmente aggiornato, che riporta ulteriori informazioni.

Cosa si intende per diritto applicabile dell’Unione europea?

Ai fini del meccanismo di segnalazione delle violazioni o whistleblowing, il diritto applicabile dell’Unione europea comprende le norme di vigilanza prudenziale degli enti creditizi. La BCE applica tali norme nell’assolvimento dei compiti a essa attribuiti dal regolamento sul meccanismo di vigilanza unico (regolamento sull’MVU).

Queste sono costituite da regolamenti direttamente applicabili quali il regolamento sui requisiti patrimoniali (Capital Requirements Regulation, CRR).

Quando le direttive sono considerate diritto applicabile dell’UE, anche la normativa nazionale che le recepisce sarà ritenuta tale, come nel caso delle disposizioni di attuazione nazionali della quarta direttiva sui requisiti patrimoniali (Capital Requirements Directive IV, CRD IV).

Se regolamenti direttamente applicabili concedono opzioni agli Stati membri, anche la legislazione nazionale di esercizio di queste opzioni è considerata parte del diritto applicabile dell’UE.

I regolamenti della BCE, come il regolamento quadro sull’MVU, e le decisioni della BCE costituiscono diritto applicabile dell’UE.

Decisioni della BCE e processo decisionale

Come segnalare una violazione

Le violazioni vanno segnalate tramite la piattaforma whistleblowing. Tutte le segnalazioni devono essere trasmesse in buona fede e per motivi ragionevoli. L’uso improprio della piattaforma può costituire reato. Per tutelare la reputazione e i diritti di tutte le parti coinvolte, la BCE può pertanto chiedere l’avvio di un procedimento penale a livello nazionale se una segnalazione non è stata trasmessa in buona fede.

Segnala una violazione tramite la piattaforma whistleblowing

Le informazioni inviate alla piattaforma whistleblowing sono gestite in maniera sicura per conto della BCE dal fornitore esterno EQS Group AG, che non ha accesso al contenuto delle segnalazioni. Per ulteriori informazioni si rimanda all’informativa sulla privacy.

Primo passo: compilare il modello online

  • Le informazioni possono essere inserite in una qualsiasi delle lingue ufficiali dell’UE
  • Sono ammesse le segnalazioni anonime
  • Le informazioni andrebbero fornite nella maniera più accurata e completa possibile

Secondo passo: presentare documentazione di supporto, come illustrato di seguito

Come presentare documentazione di supporto

La BCE raccomanda di presentare documentazione a sostegno delle presunte violazioni. Nel caso in cui queste non siano suffragate da elementi di prova, la BCE potrebbe decidere di non intraprendere alcuna iniziativa.

La documentazione va inviata tramite la funzione di caricamento della piattaforma, selezionando i relativi file e cliccando quindi sull’apposito pulsante di caricamento.

Se invii una segnalazione anonima, dovrai eliminare le informazioni che potrebbero identificarti, ad esempio le proprietà del file con il tuo nome come autore del documento.

Quale documentazione può essere caricata?

Sono ammessi file in questi formati (fino a un massimo di 10 MB): PDF, Word, Excel, Power Point, GIF e JPEG.

Cos’è la casella di posta?

Dopo aver inviato una segnalazione tramite la piattaforma ti sarà fornita una casella di posta quale canale di comunicazione sicuro. La casella ti sarà assegnata anche se la segnalazione è trasmessa in forma anonima.

Dopo la trasmissione, riceverai un numero univoco associato alla segnalazione di violazione e dovrai scegliere una password.

Tramite la casella di posta potrai controllare lo stato di avanzamento della tua segnalazione.

Inoltre, ti comunicheremo su questa casella l’eventuale necessità di presentare ulteriori informazioni.

Importante: se dimentichi il numero della segnalazione o la password, l’accesso alla casella di posta non può essere ripristinato.

Come controllare la casella di posta

Per controllare lo stato di avanzamento della segnalazione e verificare se la BCE abbia richiesto ulteriori informazioni è necessario accedere alla casella di posta.

Effettua il login utilizzando il numero univoco della segnalazione che ti è stato fornito dalla piattaforma whistleblowing e la password da te creata.

Importante: se dimentichi il numero della segnalazione o la password, l’accesso alla casella di posta non può essere ripristinato.

Come vengono gestite le segnalazioni delle violazioni?

Un gruppo di esperti valuta se le segnalazioni siano pertinenti per la BCE o per un’autorità nazionale di vigilanza bancaria. Se gli esperti concludono che la segnalazione è pertinente, questa viene inoltrata alla struttura competente della BCE oppure all’autorità nazionale di vigilanza bancaria.

A seguito di una segnalazione pertinente possono essere adottati interventi di vigilanza, ad esempio richieste di informazioni, ispezioni in loco, misure di vigilanza o procedure sanzionatorie.

Essendo tenuti al rispetto del segreto professionale, non possiamo comunicare l’esito di una segnalazione alla persona che l’ha effettuata. Tuttavia, ogni anno, nel Rapporto annuale della BCE sulle attività di vigilanza, pubblichiamo una sintesi in forma aggregata e anonima delle violazioni segnalate e dei relativi interventi.

Riservatezza

Tutte le segnalazioni sono trattate con riservatezza, nel rispetto del quadro normativo vigente nell’UE in materia di protezione dei dati. La BCE tutela i dati personali e assicura un’adeguata protezione nei confronti sia del segnalante di una violazione sia del presunto responsabile.

Informativa sulla privacy

Argomenti correlati