Analisi dei rischi

Ogni anno la Vigilanza bancaria della BCE, in stretta collaborazione con le autorità nazionali di vigilanza, individua e valuta i rischi per le banche dell’area dell’euro. L’esito di questo esercizio serve a definire le priorità di vigilanza e a determinare le principali aree di intervento per il monitoraggio e l’analisi su base regolare dei rischi ai quali sono esposte le banche vigilate.

Analisi dei rischi per il 2019

Mappa dei rischi dell’MVU

I risultati più rilevanti dell’esercizio di valutazione dei rischi sono presentati nella mappa dei rischi del Meccanismo di vigilanza unico (MVU). La mappa riporta i fattori di rischio principali che, secondo le attese, incideranno sugli enti vigilati nei due o tre anni successivi.

Mappa dei rischi dell’MVU per il 2019

Fonte: BCE e autorità nazionali di vigilanza.

La mappa mostra un quadro aggregato dell’area dell’euro ed evidenzia solo i principali fattori di rischio; non dovrebbe quindi essere letta come un elenco esaustivo di tutti i rischi fronteggiati dalle banche vigilate. I fattori di rischio non dovrebbero essere considerati singolarmente poiché potrebbero attivarsi o rafforzarsi a vicenda.

Principali fattori di rischio individuati per il 2019

I tre fattori di rischio più importanti identificati per il 2019 sono:

  • incertezze geopolitiche
  • crediti deteriorati (non-performing loans, NPL) preesistenti e potenziali futuri
  • cibercriminalità e disfunzioni dei sistemi informatici

A questi si aggiungono la rivalutazione del rischio nei mercati finanziari, il contesto caratterizzato da bassi tassi di interesse e la reazione delle banche alla regolamentazione.

Informazioni sui precedenti esercizi di valutazione dei rischi pubblicate nella Supervision Newsletter: