COMUNICATO STAMPA

La BCE armonizza le regole di vigilanza per gli enti meno significativi

13 aprile 2017
  • La BCE compie un ulteriore passo avanti con l’armonizzazione di opzioni e discrezionalità nazionali anche per gli enti meno significativi.
  • Nei confronti delle banche di minori dimensioni è stato applicato il principio di proporzionalità.
  • Si pubblicano ora i testi definitivi dell’indirizzo e della raccomandazione della BCE a seguito della consultazione pubblica.

La Banca centrale europea (BCE) ha pubblicato oggi un indirizzo e una raccomandazione destinati alle autorità nazionali competenti (ANC) in merito all’esercizio delle opzioni e delle discrezionalità nazionali (ODN) previste dal diritto dell’Unione europea. L’iniziativa è rivolta alle banche vigilate direttamente dalle ANC, ossia gli enti meno significativi (less significant institutions, LSI).

Entrambi i documenti, già oggetto di una consultazione pubblica, sono tesi ad armonizzare ulteriormente l’azione di vigilanza sulle banche condotta dalle ANC nei 19 paesi aderenti al Meccanismo di vigilanza unico (MVU), allo scopo di assicurare parità di condizioni e l’ordinato funzionamento dell’intero sistema bancario nell’area dell’euro. Nell’affrontare il tema dell’esercizio delle opzioni nel contesto della vigilanza sugli LSI si è tenuto pienamente conto del principio di proporzionalità.

Tale sforzo indirizzato agli LSI segue all’opera di armonizzazione della BCE nell’esercizio delle ODN per la vigilanza sugli enti significativi (significant institutions, SI) di sua diretta competenza. L’attuale quadro regolamentare include una serie di ODN, molte delle quali riservate alle autorità competenti. Alcune di queste andrebbero applicate in via generale a tutte le banche, mentre per altre andrebbero valutate caso per caso la situazione e le caratteristiche specifiche dei singoli enti. Un’applicazione incoerente delle opzioni e discrezionalità nell’area dell’euro potrebbe avere ripercussioni sulla solidità complessiva dell’assetto di vigilanza e sulla comparabilità dei requisiti prudenziali fra intermediari.

Per molte delle ODN contenute nei due documenti è prevista la stessa applicazione a livello di LSI e di SI. Le sette opzioni contemplate dall’indirizzo sono di natura generale, le 43 incluse nella raccomandazione devono essere valutate caso per caso ma sulla base di un approccio comune. Per otto delle opzioni considerate dalla raccomandazione è stato ritenuto necessario elaborare un approccio semplificato specifico per gli LSI, al fine di ridurre gli oneri a carico delle banche di minori dimensioni.

Oltre all’incremento della sicurezza e della solidità del sistema bancario nell’ambito dell’MVU, la vigilanza bancaria europea si propone di assicurare parità di condizioni tra le banche dell’area dell’euro. Senza l’opera di armonizzazione intrapresa dalla BCE sarebbe difficile per gli operatori di mercato e il pubblico in generale valutare lo stato di salute e la conformità alle norme degli enti creditizi.

Sul sito Internet della vigilanza bancaria della BCE oggi è stato inoltre pubblicato un resoconto della consultazione (Feedback Statement) in cui si dà conto dei commenti ricevuti.

Per eventuali richieste gli organi di informazione sono invitati a contattare Rolf Benders (tel. +49 69 1344 6925).

Contatti per i media