Requisito di secondo pilastro

Per “requisito di secondo pilastro” (Pillar 2 Requirement, P2R) si intende un requisito patrimoniale aggiuntivo che si applica per fronteggiare i rischi sottostimati o non compresi nell’ambito del requisito patrimoniale minimo, noto come “requisito di primo pilastro”. I P2R, determinati attraverso il processo di revisione e valutazione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process, SREP), sono vincolanti e la loro violazione può comportare conseguenze legali dirette per le banche. Il livello di capitale richiesto che risulta dallo SREP include anche un altro elemento: gli orientamenti di capitale di secondo pilastro (Pillar 2 guidance, P2G), che indicano alla banca il livello adeguato di capitale da mantenere per disporre di riserve sufficienti a superare situazioni di stress. A differenza dei P2R, i P2G non sono giuridicamente vincolanti.

Il nuovo regolamento sui requisiti patrimoniali (Capital Requirements Regulation 2, CRR II) si prefigge di rafforzare la disciplina di mercato e di assicurare che investitori e depositanti siano ben informati riguardo alla posizione patrimoniale degli enti creditizi. In questo contesto, ai sensi dell’articolo 431, paragrafo 1, dell’articolo 433, paragrafo 1, lettera a) e dell’articolo 438, lettera b), introdotti dal CRR II, i grandi enti (in base alla definizione data all’articolo 4, paragrafo 1, punto 146) del CRR, come modificato dal CRR II) pubblicano annualmente i requisiti di secondo pilastro.

La BCE ha raccomandato agli enti significativi di considerare di rendere pubblici gli importi dei fondi propri aggiuntivi e la relativa composizione nell’ambito delle loro prassi di informativa. La BCE ha anche comunicato l’intenzione di divulgare i P2R consolidati per ogni banca o gruppo bancario e ha invitato gli enti che non lo hanno già fatto ad approvarne la pubblicazione da parte della BCE.

La tavola seguente riporta un elenco degli enti significativi[1] con i rispettivi P2R (maggiorazioni del coefficiente 100% CET1) determinati nell’ambito del ciclo SREP 2019 e applicabili dal primo trimestre del 2020. Gli enti significativi in elenco hanno già reso pubblici i propri P2R oppure non li hanno divulgati ma hanno acconsentito alla loro pubblicazione da parte della BCE.

Tavola aggiornata il 30 gennaio 2020.

Risultati P2R

 
Denominazione dell’ente
P2R 2019 in termini di CET1
applicabili nel 2020
Aareal Bank AG 2,25%
AB SEB bankas 2,00%
ABANCA Corporación Bancaria S.A. 1,75%
Abanka d.d. 3,50%
ABN AMRO Bank N.V. 2,00%
AIB Group plc 3,00%
Alpha Bank AE 3,00%
AS “SEB banka” 2,25%
AS SEB Pank 2,25%
AS Swedbank 1,70%
AXA Bank Belgium SA 2,75%
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.p.A. 3,00%
Banca Popolare di Sondrio, Società Cooperativa per Azioni 3,00%
Banco Bilbao Vizcaya Argentaria, S.A. 1,50%
Banco BPM S.p.A. 2,25%
Banco Comercial Portugués, SA 2,25%
Banco de Crédito Social Cooperativo, S.A. 2,50%
Banco de Sabadell, S.A. 2,25%
Banco Santander, S.A. 1,50%
Bank of America Merrill Lynch International Designated Activity Company 2,30%
Bank of Cyprus Holdings Public Limited Company 3,00%
Bank of Ireland Group plc 2,25%
Bank of Valletta plc 3,25%
Bankinter, S.A. 1,20%
Banque Degroof Petercam SA 3,00%
Banque et Caisse d’Epargne de l’Etat, Luxembourg 1,00%
Banque Internationale á Luxembourg S.A. 1,75%
Barclays Bank Ireland PLC 3% + max (0,3%; €100 milioni)
BAWAG Group AG 2,00%
Bayerische Landesbank 2,00%
Belfius Bank NV 2,00%
BFA Tenedora de Acciones S.A.U. 2,00%
Biser Topco S.à.r.l. 3,00%
BNG Bank N.V. 2,25%
BNP Paribas S.A. 1,25%
BPCE S.A. 1,75%
BPER Banca S.p.A. 2,00%
Bpifrance S.A. (Banque Publique d’Investissement) 1,50%
C.R.H. - Caisse de Refinancement de l'Habitat 0,75%
Caixa Geral de Depósitos, SA 2,25%
CaixaBank, S.A. 1,50%
Cassa Centrale Banca - Credito Cooperativo Italiano S.p.A. 2,25%
Citibank Holdings Ireland Limited 2,70%
COMMERZBANK Aktiengesellschaft 2,00%
Confédération Nationale du Crédit Mutuel 1,75%
Coöperatieve Rabobank U.A. 1,75%
Crédit Agricole S.A. 1,50%
Credito Emiliano Holding S.p.A. 1,00%
de Volksbank N.V. 2,50%
DekaBank Deutsche Girozentrale 1,50%
Deutsche Apotheker- und Ärztebank eG 1,25%
Deutsche Bank AG 2,50%
Deutsche Pfandbriefbank AG 2,50%
Dexia SA 3,25%
DZ BANK AG Deutsche Zentral-Genossenschaftsbank 1,75%
Erste Group Bank AG 1,75%
Eurobank Ergasias S.A. 3,00%
Hamburg Commercial Bank AG 2,75%
HASPA Finanzholding 1,00%
Hellenic Bank Public Company Limited 3,20%
HSBC Bank Malta p.l.c. 2,25%
HSBC France 3,00%
Ibercaja Banco, S.A. 2,00%
Iccrea Banca S.p.A. - Istituto Centrale del Credito Cooperativo 2,50%
ING Groep N.V. 1,75%
Intesa Sanpaolo S.p.A. 1,50%
Investeringsmaatschappij Argenta NV 1,75%
J.P. Morgan Bank Luxembourg S.A. 2,25%
KBC Group NV 1,75%
KBL European Private Bankers S.A. 2,00%
Kuntarahoitus Oyj 2,25%
Kutxabank, S.A. 1,20%
La Banque Postale 2,00%
Landesbank Baden-Württemberg 1,75%
Landesbank Berlin AG 1,50%
Landesbank Hessen-Thüringen Girozentrale 1,75%
Liberbank, S.A. 2,50%
LSF Nani Investments S.à.r.l. 3,00%
ABLV Bank, AS 2,00%
MDB Group Limited 3,00%
Mediobanca - Banca di Credito Finanziario S.p.A. 1,25%
Münchener Hypothekenbank eG 1,50%
National Bank of Greece S.A. 3,00%
Nederlandse Waterschapsbank N.V. 2,25%
Nordea Bank Abp 1,75%
Nova Ljubljanska banka d.d. Ljubljana 2,75%
OP Osuuskunta 2,25%
Piraeus Bank S.A. 3,25%
Raiffeisen Bank International AG 2,25%
Raiffeisenbankengruppe OÖ Verbund eGen 1,75%
RBC Investor Services Bank S.A. 2,00%
RCB Bank LTD 3,50%
RCI Banque SA 2,00%
Sberbank Europe AG 3.25%
SFIL S.A. 0,75%
Slovenská sporitel'ňa, a.s. 1,50%
Société Générale S.A. 1,75%
State Street Europe Holdings Germany S.a.r.l. & Co. KG 2,00%
Swedbank AS 2,00%
Swedbank, AB 1,80%
Tatra banka, a.s. 1,50%
The Bank of New York Mellon SA 2,00%
Ulster Bank Ireland Designated Activity Company 3,50%
Unicaja Banco, S.A. 1,75%
UniCredit S.p.A. 1,75%
Unione di Banche Italiane Società per Azioni 2,25%
Volksbank Wien AG 2,50%
Volkswagen Bank GmbH 2,00%
Všeobecná úverová banka, a.s 1,50%
[1] Gli enti significativi vigilati nell’ambito del Meccanismo di vigilanza unico al 1o dicembre 2019 sono pari a 117. Ulteriori dettagli sono reperibili nel comunicato stampa: ECB will directly supervise 117 banks in 2020.
Otto di questi enti (UBS Europe SE, J.P. Morgan AG, Morgan Stanley Europe Holding SE, Goldman Sachs Bank Europe SE, Akcinė bendrovė Šiaulių bankas, AS “PNB Banka”, Banca Carige S.p.A. - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, Norddeutsche Landesbank –Girozentrale) non sono compresi nella tavola sui P2R a livello di banca per uno dei seguenti motivi: a) enti divenuti significativi a fine 2019 / inizio 2020 e pertanto non destinatari di una decisione SREP 2019; b) enti che saranno destinatari di una decisione SREP 2019 nel corso del 2020.